LA SPORTIVA IN DOPPIOPETTO


L’Aurelia GT 2500 B20 racchiudeva in sé la potenza del motore 6 cilindri a V, l’eleganza della carrozzeria Pininfarina e la cura al comfort universalmente riconosciuta a Lancia. Per questo poteva essere considerata una sportiva da guidare “in doppiopetto”. Arrivò seconda assoluta e prima della sua categoria al suo esordio nella Mille Miglia nel 1951. A Verona Legend un modello del 1957, sesta serie, proveniente da una delle collezioni più importanti d’Europa: il Museo Nicolis di Verona.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

VERONA LABORATORIO DELL’HERITAGE
I 4 Club Asi di Verona partecipano in un grande stand comune

Il salone è l’occasione per celebrare un nuovo spirito di collaborazione nel mondo delle storiche. I 4 Club Asi di Verona partecipano in un grande...
FIMAUTO: C’È DA FIDARSI
La garanzia certificata BMW Premium Selection e MINI NEXT in 300 mq di stand. Solo dopo aver superato i più rigorosi controlli tecnici, i singoli ...
UNICA E INDISTINGUIBILE
Nella sezione modellismo un'altra auto in miniatura da collezione: la FIAT 126 prima serie in scala 1/18 in una serie limitata di 600 pz. Gli unic...
LA LUNGA TRADIZIONE DEL MADE IN ITALY
Dalla collezione del Museo Nicolis di Verona anche la Flaminia 3C 2.8 Convertibile del 1960: era la versione sportiva della Flaminia berlina 1957 ...
PASSIONE MERCEDES
Sabato 6 e Domenica 7 maggio Stelle Cadenti e SL Classic Club propongono un raduno dei modelli più belli

Due gli appuntamenti dedicati agli innamorati della Stella. Sabato 6 maggio il Club di Oldtimer Mercedes <b>Stelle Cadenti</b> sarà presente con i...
L’HERITAGE NON È PIÙ UN SETTORE DI NICCHIA
Prosegue l’attività dell’Accademia del Restauro: il progetto di Cna Padova per formare le giovani leve di un settore in continua crescita. L’herit...
PARCHEGGIA LA 500 IN UFFICIO
A Verona Legend Cars le auto diventano design e arredamento: con Rhibo Vision in mostra scrivanie e tavoli che combinano vetro e frontali di Fiat ...
TRE GENERAZIONI DI PILOTI A VERONA LEGEND CARS
Nello Stand ASI Danilo Castellarin conduce un’intervista parallela che abbraccia la storia delle corse. In successione da sinistra Umberto Scandol...